Archivio del Tag walle

Wall-E

Questo fine settimana ho visto l’ultimo film di animazione della Disney Pixar. La mia titubanza era forte, sopratutto a causa degli ultimi lavori d’animazione della Disney, che non mi sono particolarmente piaciuti.

Devo dire però che Wall-E è forse il cartone più bello che abbia mai visto.

Siamo in un lontanissimo futuro su di una terra ormai parodia di se stessa. Il pianeta è al collasso senza nessuna forma di vita e invasa dalla sporcizia. Gli uomini resi si conto di aver inquinato irrimediabilmente il loro pianeta, decidono di abbandonarlo per trasferirsi su di un’enorme astronave che per centinaia di anni sarà la loro casa, dove verranno accuditi e viziati, senza dover più muovere un muscolo e senza dover ragionare con la propria testa.

Nel frattempo sulla terra è rimasto un superstite, Wall-E (Waste Allocation Load Lifter Earth-Class) un robottino spazzino che ha il compito di ripulire la terra dai rifiuti. Unico superstite del suo genere, Wall-E continua a compiere il suo lavoro inesorabilmente ma, in centinaia di anni di instancabile lavoro e solitudine, Wall-E impara ad essere più "umano". Colleziona oggetti di ogni tipo, oggetti che nascondono una grande voglia di sapere e provare emozioni e soprattutto coltiva un grande passione per i musical d’epoca.

Improvvisamente sulla terra fa la comparsa EVE, un robot di nuova generazione, che cerca eventuali nuove forme di vita con la speranza che l’uomo possa tornare a ripopolare il pianeta. Tra i due matura una buona amicizia e quando EVE deve ritornare nello spazio, sulla sua astronave, Wall-E decide di seguirla e qui cominciano le avventure del piccolo robottino.

I lungometraggi della Disney hanno sempre avuto come base delle morali molto sentimentali ma anche molto sdolcinate e scontate. Wall-E invece pone dei temi molto più moderni e non solo adatti ad un pubblico giovane.

Quindi mi sento di consigliare questo film a tutti, indipendentemente dall’età.

4 Commenti

Articoli Simili