Archivio del Tag donne

Allattamento per Colleghi

allattamento.jpg

Si sa che i paesi islamici non hanno mai avuto rispetto per il sesso femminile ma quello che mi accingo a dirvi è davvero incredibile.
Come molti di voi sapranno in Egitto, e in tutti i paesi che rispondono al Corano, un uomo e una donna non posso stare nella stessa stanza se non anno un legame di parentela.
Già questo è una grandissi boiata ma la moschea di Al-Azhar ha trovato finalmete il modo di far convivere i due sessi.
Fino ad oggi infatti era impensabile che una donna avesse per collega un’uomo non imparentato con essa, probblema che è stato aggirato proponendo una legge che permette questa collaborazione di lavoro.
Starete pensando “bella cosa era ora”!
Aspettate a dirlo:
La legge in questione dice che la donna collega dovrà fermarsi per ben cinque volte al giorno, togliersi il velo, alzare la jallabia (il vestito che la copre dal collo alle caviglie) e ALLATTARE I SUOI COLLEGHI DI LAVORO. Così facendo questo renderà parenti i collaboratori di lavoro della donna.
Ammetto che al primo impatto questa notizia mi ha strappato un sorriso, forse perchè si tratta di una realta lontana dalla nostra, ma a pensarci bene è una cosa terribile che rasenta lo schiavismo e forse in un certo modo lo supera come crudeltà.
C’è poi d’aggiungere che le autorità governative egiziane danno per scontato che la donna sia sempre provvista di latte materno. Ma questa è solo un piccolissimo particolare se messo a confronto a quella che è una delle tante leggi coraniche che riducono i diritti umani, in particolar modo della donna, ai minimi termini.
Incredibile… non ho altre parole.

0 Commenti

Articoli Simili

Assorbenti… addio!!!

keeper.jpg

Stanotte, preso da un terribile attacco di insonia, mi sono messo davanti al PC per fare una delle mie solite navigate su internet per trovare l’ispirazione e scrivere un bel post.
E stavolta l’ispirazione è venuto dal sito La bottega della luna.
Al primo impatto credevo fosse il solito sito di stronzate ma non è così. Il sito propone delle valide alternative, anche naturali, per sostituire i più classici assorbenti per il ciclo mestruale.
In effetti girovagando per il sito si può capire che i prodotti venduti non sono solo stranezze fatte per far parlare ma sono state create con un buon motivo, almeno secondo gli autori del sito.
Primo fra tutti per motivazioni ecologiche. In effetti tempo fa avevo letto un’articolo che parlava d’inquinamento e in particolar modo parlava di quanto sia difficile lo smaltimento degli assorbenti e pannolini. Infatti questi hanno un altissimo rapporto di massa specifica che rende difficile lo smaltimento.
Seconda motivazione per cui una donna dovrebbe scegliere queste alternative è che tutte queste sono riutilizabili.
Infatti tutti i prodotti sono lavabili e riutilizabili anche per anni.
Questo il loro slogan.
Certo l’aspetto di alcuni di questi articoli non promette niente bene. Come il Keeper (in figura quì sopra), una spece di piccolo imbuto che la donna dovrebbe inserire dentro la vagina. La funzionalità è tutta da vedere e sopratutto non so quante donne possano essere disposte ad inserirsi un coso del genere.
Ci sono poi gli assorbenti esterni in cotone e lavabili. E naturalmente le Sean Perls delle simpatiche spugne naturali provenienti direttamente dal Golfo del Messico… mi viene da ridere pensando che queste spugne quando saranno pregne per riutilizarle probabilmente bisognerà strizzarle!!! :)

0 Commenti

Articoli Simili

Campagna elettorale

tania_pompini.jpg Ne avrete sicuramente sentito parlare: La candidata alle elezioni Tania Dervaux del partito belga NEE inizialmente aveva promesso 400.000 posti di lavoro giusto per ridicolizare i suoi avversari politici che ne promettevano 200.000 (questi politici mi ricordano qualcuno… ma chi?). Ma visto lo scarso interessamento da parte degli elettori Tania Dervaux ha deciso di cambiare campagna elettorale e adottarne una più decisa…. Promette un pompino con le prime 40.000 persone che compileranno il form sul suo sito. Naturalmente ci sono delle regole da rispettare: 1. Bisogna essere maggiorenni 2. Indossare il profilattico (a spese proprie) 3. Sono vietati i contatti fisici con la candidata 4. La candidata è libera di rifiutarsi per motivi igenici E in Italia come verrebbe accolta una proposta del genere?? Sopratutto considerando l’aspetto poco promettente delle nostre deputate: Bindi, Bonino, Jervolino, ecc..

0 Commenti

Articoli Simili

Donne al Lavoro

donna_la_lavoro.jpg

Lavoro in un ambiete con due uomini e ben 6 ragazze. so già che mi attirerò le ire delle donne che leggeranno questo post (se mai ce ne sono) ma questa non è soltanto un’opinione è proprio un dato di fatto: Lavorare con le donne è impossibile. Niente di maligno… penso che rientri nella loro natura. Non riescono a tenere la bocca chiusa. Non sto parlando di pettegolezzi ma di malignità, liti e discussioni per cose che per la maggior parte delle volte riguardano argomenti futili e inutili. Pronte subito a gettare merda su persone (uomini) che non centrano niente e che alla fine ne fanno le spese. Non ottengono qualcosa dal datore di lavoro? Non vanno da lui dicendo che meritano di più per quello che fanno ma dicono “se privelegiate lui che non fa un cazzo dalla mattina alla sera perchè non posso avere lo stesso trattamento anch’io?”. Dai… come si fa…? Gettare merda sui colleghi per ottenere uno scopo. Mi dispiace parlare così delle donne, vorrei che fosse un’episodio isolato ma purtroppo su 6 colleghe tutte e 6 si comportano così. Io per ottenere considerazione e posizione sul lavoro ho sudato, lavorato e dato il culo senza offendere e infamare nessuno. Perchè non lo possono fare anche loro. E finiamola con la storia che le donne non vengono considerate alla pari. Proprio per questa tiritera a volte le donne ottengono molto di più che gli uomini. AAAAAHHHH… si mi sono sfogato!!!

2 Commenti

Articoli Simili