Archivio del Tag america

La Vera Silent Hill

Chi di voi possiede una PlaystationW probabilmente avrà giocato almeno una volta ad un titolo storico di questa console. Sto parlando di Silent HillW, una game horror d’azione dove mostri orrendi minacciano la vostra soppravvivenza.

Naturalmente pensate che questa sia solo una fantasia ludica. Sbagliato! La citta di Silent HillW esiste veramente. Naturalmente è molto lontana dalla versione del video game, ma le similitudini sono al quanto incredibili.

La citta si chiama Centralina e si trova in PennsylvaniaW, nella contea di ColumbiaW. La città è originaria dei primi dell’ottocento, costruita su di un’immenso giacimento di atrancite.

In questo modo i minatori potevano estrarre l’atrancite a ciclo continuo perchè il sottosuolo di centralina era il loro posto di lavoro e la supervice la loro casa. Le estrazioni durarono fino alla fine dell’ottocento, quando un tragico incidente colpì le 2.000 anime che abitavano la citta.

Un enorme e catrastofico incendio divampò nella miniera di atrancite e in men che non si dica l’interà città fu avvolta dal fumo e dalla cenere. L’asfalto si spaccò, riducendo le strade in un umile parodia di se stesse.

Non vi ricorda niente tutto questo? Vi ricordate le ambientazioni di Silent HillW? Quando improvvisamente ci si ritrovava in una strada interrotta da un crepaccio?

La città di Centralina fu evacuta e divenne la città fantasma che ritroviamo nel game della PS. Centralina brucia ancora oggi, infatti si calcola che l’atrancite nel sottosuolo della città brucerà ancora per 100 anni. Questa è senz’altro la tipica ambientazione che pùò aver ispirato i creatori di Silent HillW.

Nel video quì sotto si può vedere l’inquietante cittadinella della PennsylvaniaW che brucia inesorabilmente nel sottosuolo.

Grazie al sito beliceweb.it per l’ispirazione e la documentazione.

5 Commenti

Cinghiale Gigante

cinghiale.jpg

Alabama: cinghiale gigante ucciso da ragazzino di 11 anni.
Però che news da record!! Ma che avete capito, non stavo parlando delle dimensioni del cinghiale ma del cervello minuscolo del ragazzo e dei suoi genitori.
Ok gran bella bestia. Gran belle dimensioni: 476KG per 274cm. Ma la cosa che mi stupisce di più non sono le dimensioni della bestia ma della storia del bimbo che l’ha ucciso.
Sarà anche vero che stiamo parlando solo di un cinghiale ma è pur sempre un cinghiale fuori dal comune. Sarebbe come uccidere una… che ne so… “tigre verde”.
Era un’esemplare più unico che raro, un vero fenomeno della natura che alla natura doveva rimanere.
Ma come accennato all’inizio non sono quì per parlare del cinghiale. Non voglio fare l’avvocato degli animalisti. Infondo ci può anche stare. Uccidiamo il cinghialone e facciamone quintali di salsiccia.
Sono quì per parlare del ragazzo di 11, e ripeto, 11 anni.
Quale genitore sconsiderato, per non dire coglione, da in mano al figlio di 11 anni una pistola calibro 50? Tenete conto che l’ispettore Callaghan usava una 44. Basta vedere la foto per rendersi conto delle dimensioni dell’arma… è quasi più grande di lui quell’anima di pistola.
Molto probabilmente starete pensando: “ma la stava usando solo per andare a caccia”. Ma poi… da quando in quà si va a caccia con la pistola?
Se poi si ascoltano le dichiarazioni del ragazzo in cui afferma di aver sparato per la prima volta ad un’animale all’età di 5 anni, non si può fare ameno di considerare i genitori delle bestie sconsiderate.
Ragazzi non facciamoci abbindolare da queste news che ci accecano la vista con dimensioni e numeri. La vera news, scandalosa, è quella del ragazzo, anzi bambino, che è libero di impugnare una pistola o un’arma in generale e di essere libero di andare in giro a sparare a degli esseri viventi.
La morale di tutto questo: meglio essere considerati Italiani pizza, mandolino, mafia e baffo nero, piuttosto che americani teste di cazzo.

1 Commento