Paolo Sarpi Ecologica?

Da ieri a Milano è stato avviato lo ZTL in via Paolo SarpiW, la "chinatown" del capoluogo Lombardo.

Apro una piccola parentesi, giusto per darvi la mia opinione sull’Ecopass. Lo trovo assolutamente sbagliato, non per quello che dovrebbe fare ma per quello che in realtà fa. Personalmente credo che l’ecopass di Milano sia una presa per il culo, una scusa come un’altra per arraffare soldi. Non lo dico con il tono di quello che vuole a tutti i costi fare il bastian contrario ma lo dico come cittadino milanese. Intendiamoci, Milano ha bisogno sicuramente di meno traffico e di conseguenza meno smog, ci sono dei giorni che sopra la mia città c’è una foschia di gas che fa paura. Ma l’ecopass non è la risposta giusta a questo problema, viene venduto come la cura per il male ma così non è. Da quello che sento tutti i giorni alla radio, da quando è entrato in vigore lo ZTL milanese, l’inquinamento non è mai calato anzi forse è aumentato, superando i limiti per legge del numero massimo di giorni dove una città può avere le polveri sottili sopra il limite. Il concetto non sarebbe sbagliato ma la formula con cui viene attuato non è delle più appropriate. Un lavoratore che deve entrare in una zona a traffico limitato per lavoro, di certo non molla la macchina o il furgone ma paga l’ecopass. In questo modo Lo ZTL, da ipotetica regolamentazione del traffico, diventa una tassa per poter inquinare. E chi, prima dell’ecopass, per andare dal punto A al punto B della città doveva passare tra la cerchia dei Bastioni, ora non paga l’ecopass ma molto più semplicemente cambia strada, intasando le strade limitrofe al divieto, aumentando il traffico e inquinando di più . Lo dico per esperienza personale, lo vedo tutti i giorni e dall’inizio dell’anno il traffico è sensibilmente aumentato.

Ora chiusa la parentesi, parliamo di Paolo SarpiW. La sempre innovativa Moratti ha deciso di porre il limite ZTL anche in questa famosissima via di Milano. Tutti sappiamo che lo fa per ridurre il traffico di grossisti cinesi, ma c’è una cosa che non capisco. Perchè disagiare anche i cittadini che abitano in zona? In una strada, dove vige l’ecopass, le macchine non possono circolare ma gli autobus si. E allora perchè in Paolo SarpiW non è così? La linea che prima passava in Sarpi è stata deviata, provocando non pochi disagi, e scatenando le proteste degli abitanti del posto.

In effetti questa scelta è contraddittoria con l’ecopas. Questo infatti è nato per indurre le persone ad usare i mezzi pubblici, ma se ci tolgono anche quelli?

Articoli Simili

2 Comments

  1. franco scrive
    at 19:15 - 25th novembre 2008 Permalink

    Condivido l’osservazione sulla totale inutilità, rasente alla truffa, dell’infame ecopass, infame come come chi lo ha ideato, approvato, messo in opera e lo sostiene (vedi sindaco, consiglio e polizia municipale). ma se esiete una truffa è solo perchè esiste chi si fa truffare, lo dimostra la totale assenza di rimostranze da chi, in particolare , è costretto ad una spesa inutile per continuare a svolgere il suo lavoro in Milano. Ma la cosa è tanto più infame se si considera l’illegalità dello ZTL, il quale utilizzo non fu mai approvato dalla Cassazione, sebbene sia il cavallo di battaglia delle nostra polizia municipale, più interessata alla riscossione delle provvigioni sulla muilta che di tenere in considerazione il mezzo illegale col quale far rispettare la legalità. Ed ancor meno interessato all’illegalità dello ZTL è il comune di Milano, o chi pèer esso, dati i notevoli profitti che consente di ricavare dagli automobilisti ignoranti e supini. E non parliamo delle multe rivendute all’esatri, che ovviamente le maggiora e ce le rilancia come cartelle esattoriali, con la minaccia di fermo mezzi, pignoramenti o rivalsa sullo stipendio…ma non si tratta di ricatto, vero? Ma in uno stato dove i parlamentari sono cocainomani, percepiscono lo stipendio a prescindere dalla loro presenza e anche dopo il loro congedo di cosa c’è da stupirsi? Per sopravvivere non è più alla legge ed ai suoi rappresentati che bisogna rivolgersi: chi sarebbero costoro??

  2. Actarus scrive
    at 19:43 - 25th novembre 2008 Permalink

    Condivido al 100%. Anche se non sono del tutto convito quando dici che se una truffa esiste solo se c’è gente che si fa truffare. Dipende dalla truffa. Quando questa è fatta da una singola e normale persona allora hai ragione tu. Ma quando questa vine fatta dalle istituzioni e ti viene venduta come oro colato, come la soluzione a tutti i mali, allora la situazione cambia. Non si può colpevolizare la gente di credere in buona fede, anche se quello in cui credono è una truffa.
    Su una cosa comunque siamo sulla stessa lunghezza d’onda, la Moratti con lo ZTL ci ha tutti preso in giro alla grande.

Trackbacks & Pingbacks 2

  1. From upnews.it on 18 Nov 2008 at 19:48

    Paolo Sarpi Ecologica?…

    Da ieri a Milano è stato avviato lo ZTL in via Paolo Sarpi, la “chinatown” del capoluogo Lombardo….

  2. From diggita.it on 18 Nov 2008 at 19:50

    Paolo Sarpi Ecologica?…

    Da ieri a Milano è stato avviato lo ZTL in via Paolo Sarpi, la “chinatown” del capoluogo Lombardo. Apro una piccola parentesi, giusto per darvi la mia opinione sull’Ecopass…

Scrivi un Commento

La tua mail non sarà mai pubblicata. I campi con (*) sono obbligatori

*
Per pubblicare il tuo commento (no messaggi spam), inserisci la parola raffigurata in figura. Clicca sulla figura per sentire lo spelling.
Click to hear an audio file of the anti-spam word