Odio

filippo_raciti.jpg

Nelle ultime ore si parla ancora del diciasettene accusato di aver ucciso il carabiniere Filippo Raciti. Il ragazzo, in carcere alla biccocca di Milano, è stato complice di un pestaggio ai danni di un detenuto che come unica colpa aveva quella di esere il figlio di un’agente della Guardia di finanza.
Penso che allora il tribunale abbia fatto bene a rifiutargli l’stanza per la scarcerazione perchè l’individuo è soggetto a “pericolosità sociale e al rischio di reiterazione del reato
Questo post è solo un pretesto per dire la mia su un’argomento che man mano che si susseguono episodi come questi mi fa pensare.
Perchè tanto odio? Perchè tanto odio verso le forze dell’ordine? Certo, sono sempre persone ma come per ogni cosa non bisogna fare di tutta un’erba un fascio.
In occasione di quell’episodio del derby ho sentito dei commenti tipo: “gli sta bene, facendo quel lavoro sapeva a cosa andava incontro. Poi anche dei tifosi ci hanno rimesso la pelle era ora che anche uno sbirro ci rimettesse la sua“.
Ma stiamo scherzando?? facciamo tanto gli ipocriti condannando l’America per la pena di morte e le armi in mano ai bambini e in italia la gente muore per una partita.
Lasciatemelo dire MA VAFFANCULO!!
Proprio ieri ho scrtirro un post sul cicliso e come questo abbia perso la poesia che lo circondava a causa del doping. E il calcio? Ragazzi pensateci… uno sport dove si rischia di rimetterci la pelle ma non quella dello sportivo come potrebbe essere per la Formula 1 o il Motociclismo, quì si parla della pellaccia di chi ama uno sport e lo va vedere allo stadio. Tifiamo si certo… inveiamo contro gli avversari si certo… ma la vita è una sola e non bisogna perderla durante una partita di calcio.
E in questo includo anche le forze dell’ordine. Perchè tanto odio verso di loro. Sono convinto che se si andasse allo stadio con la sola convinzione di tifare e fare cori non ci sarebbero episodi come nel derby Siciliano. “Non provocare per non essere provocato
Senza contare poi che ci staiamo facendo ridere dietro dal mondo intero. Una nazione come l’Italia con un grande passato storico mondiale che ha perso ogni tipo di patriottismo, vede persone scannarsi per la squadra del cuore. Cazzo è un controsenso. Ce ne fottiamo del nostro paese ma per la mia squadra spacco tutto.
Mi ricordo che la prima volta che andai allo stadio era con mio padre a vedere Milan Sampdoria, l’anno non lo ricordo ma nel Milan giocava Blisset quindi fate voi… e il clima era bellissimo, famigliare… insomma una festa. Ora potete pure chiamarmi cagasotto ma allo stadio non ci vado… e penso di non essere nemmeno l’unico. E di chi è la colpa??
Facciamo tornare il calcio uno sport.

Articoli Simili

Scrivi un Commento

La tua mail non sarà mai pubblicata. I campi con (*) sono obbligatori

*
Per pubblicare il tuo commento (no messaggi spam), inserisci la parola raffigurata in figura. Clicca sulla figura per sentire lo spelling.
Click to hear an audio file of the anti-spam word