Archivio della Categoria Curiosità

I nuovi Balilla?

A volte mi rendo conto di esagerare nel scrivere i miei post. Spesso prendo troppo alla lettera il titolo del mio blog e do troppo libero sfogo al mio "pensiero libero". Certo un po di faziosità c’è, è presente in tutte le persone, altrimenti sai che palle essere sempre d’accordo su tutto e con tutti. Ma ci sono delle news o avvenimenti, oggetti, persone o quello che vi pare, che mi eliminano totalmente il filtro che ho tra la mente e la bocca e mi devo mordere le dita per impedirmi di esagerare in quello che scrivo.

A dire la verità la maggior parte delle volte cerco di auto convincermi che, le dichiarazioni o azioni di certe persone, esistono solo per farsi pubblicità o per far parlare di se, che poi è la stessa cosa. Ma c’è sempre qualcuno che esagera, qualcuno che a mio personalissimo parere va al di la del buon senso.

Il Movimento sociale Fiamma Tricolore della BasilicataW ha dato il via ad una discutibile iniziativa. 1.500 Euro per le coppie che partoriranno un figlio nel 2009 e che diano al pargoletto il nome di Benito o Rachele. Fino a qui niente di male, oltretutto trovo il nome Rachele molto bello per una femminuccia, neanche la motivazione di questa iniziativa è disdicevole, anzi, infatti questa è mirata a far incrementare le nascite in una regione che ha il record di spopolamento.

Sono le giustificazioni dei nomi scelti a farmi storcere il naso. Benito e Rachele sono stati scelti in onore a Benito MussoliniW e a sua moglie Rachele GuidiW, "per onorare le radici profonde del partito". Queste sono state le parole del Segretario Regionale Vincenzo Mancusi.

Mmmm… mi sto mordendo le dita. Ancora oggi, nel 2008, c’è qualcuno così fortemente legato ad un passato che ha visto l’Italia in un nerissimo periodo e che ci ha fatto conoscere negativamente da tutto il Mondo.

Ma se ne sentiva proprio il bisogno? Ribadisco, forse sono io a essere troppo fazioso, ma tirare nuovamente il ballo una rivalutazione di Mussolini mi sembra ridicolo. Certo come dice Mancusi Mussolini ha fatto anche tante belle cose per il nostro paese, come il piano urbanistico, ma non si può far diventare un martire una persona così alla leggera.

Negli ultimi anni è di moda rilanciare persone, defunte, martiri della causa. E’ vero che una persona non si può giudicare dalle sole azioni criminali, ma neanche il contrario. Anche AttilaW, Adolf HitlerW e Dart FenerW avranno dato una carezza ad un bambino o fatto qualcosa di buono per il loro paese.

In tutta risposta all’iniziativa di Mancusi, propongo al sindaco di Milano, Letizia MorattiW, una iniziativa simile. Promettere 2.000 Euro a tutte le coppie che chiameranno Loreto il proprio figlio, in onore alla piazza di Milano (Piazzale LoretoW ) dove furono fucilati 15 partigani antifascisti e dove fu esposto il cadavere di Mussolini, per non dimenticare le radici di tutti coloro che in un modo o nell’altro sono stati legati alla resistenza antifascista.

2 Commenti

Articoli Simili

Paolo Sarpi Ecologica?

Da ieri a Milano è stato avviato lo ZTL in via Paolo SarpiW, la "chinatown" del capoluogo Lombardo.

Apro una piccola parentesi, giusto per darvi la mia opinione sull’Ecopass. Lo trovo assolutamente sbagliato, non per quello che dovrebbe fare ma per quello che in realtà fa. Personalmente credo che l’ecopass di Milano sia una presa per il culo, una scusa come un’altra per arraffare soldi. Non lo dico con il tono di quello che vuole a tutti i costi fare il bastian contrario ma lo dico come cittadino milanese. Intendiamoci, Milano ha bisogno sicuramente di meno traffico e di conseguenza meno smog, ci sono dei giorni che sopra la mia città c’è una foschia di gas che fa paura. Ma l’ecopass non è la risposta giusta a questo problema, viene venduto come la cura per il male ma così non è. Da quello che sento tutti i giorni alla radio, da quando è entrato in vigore lo ZTL milanese, l’inquinamento non è mai calato anzi forse è aumentato, superando i limiti per legge del numero massimo di giorni dove una città può avere le polveri sottili sopra il limite. Il concetto non sarebbe sbagliato ma la formula con cui viene attuato non è delle più appropriate. Un lavoratore che deve entrare in una zona a traffico limitato per lavoro, di certo non molla la macchina o il furgone ma paga l’ecopass. In questo modo Lo ZTL, da ipotetica regolamentazione del traffico, diventa una tassa per poter inquinare. E chi, prima dell’ecopass, per andare dal punto A al punto B della città doveva passare tra la cerchia dei Bastioni, ora non paga l’ecopass ma molto più semplicemente cambia strada, intasando le strade limitrofe al divieto, aumentando il traffico e inquinando di più . Lo dico per esperienza personale, lo vedo tutti i giorni e dall’inizio dell’anno il traffico è sensibilmente aumentato.

Ora chiusa la parentesi, parliamo di Paolo SarpiW. La sempre innovativa Moratti ha deciso di porre il limite ZTL anche in questa famosissima via di Milano. Tutti sappiamo che lo fa per ridurre il traffico di grossisti cinesi, ma c’è una cosa che non capisco. Perchè disagiare anche i cittadini che abitano in zona? In una strada, dove vige l’ecopass, le macchine non possono circolare ma gli autobus si. E allora perchè in Paolo SarpiW non è così? La linea che prima passava in Sarpi è stata deviata, provocando non pochi disagi, e scatenando le proteste degli abitanti del posto.

In effetti questa scelta è contraddittoria con l’ecopas. Questo infatti è nato per indurre le persone ad usare i mezzi pubblici, ma se ci tolgono anche quelli?

4 Commenti

Articoli Simili

La Vera Silent Hill

Chi di voi possiede una PlaystationW probabilmente avrà giocato almeno una volta ad un titolo storico di questa console. Sto parlando di Silent HillW, una game horror d’azione dove mostri orrendi minacciano la vostra soppravvivenza.

Naturalmente pensate che questa sia solo una fantasia ludica. Sbagliato! La citta di Silent HillW esiste veramente. Naturalmente è molto lontana dalla versione del video game, ma le similitudini sono al quanto incredibili.

La citta si chiama Centralina e si trova in PennsylvaniaW, nella contea di ColumbiaW. La città è originaria dei primi dell’ottocento, costruita su di un’immenso giacimento di atrancite.

In questo modo i minatori potevano estrarre l’atrancite a ciclo continuo perchè il sottosuolo di centralina era il loro posto di lavoro e la supervice la loro casa. Le estrazioni durarono fino alla fine dell’ottocento, quando un tragico incidente colpì le 2.000 anime che abitavano la citta.

Un enorme e catrastofico incendio divampò nella miniera di atrancite e in men che non si dica l’interà città fu avvolta dal fumo e dalla cenere. L’asfalto si spaccò, riducendo le strade in un umile parodia di se stesse.

Non vi ricorda niente tutto questo? Vi ricordate le ambientazioni di Silent HillW? Quando improvvisamente ci si ritrovava in una strada interrotta da un crepaccio?

La città di Centralina fu evacuta e divenne la città fantasma che ritroviamo nel game della PS. Centralina brucia ancora oggi, infatti si calcola che l’atrancite nel sottosuolo della città brucerà ancora per 100 anni. Questa è senz’altro la tipica ambientazione che pùò aver ispirato i creatori di Silent HillW.

Nel video quì sotto si può vedere l’inquietante cittadinella della PennsylvaniaW che brucia inesorabilmente nel sottosuolo.

Grazie al sito beliceweb.it per l’ispirazione e la documentazione.

5 Commenti

Articoli Simili

Rapina in Montenapoleone

In quanti film si è visto? Il furto perfetto. Un ladro che pianifica tutto e con un grandissimo sangue freddo mette in opera un piano studiato nei minimi particolari.

Per il cinema questo è normale, non si fa nessuna fatica a scrivere una sceneggiatura grazie alla quale qualsiasi sfigato riesce in imprese al limite dell’umano.

Quando questo però diviene realtà lo stupore si fa molto più grande.

E’ una news di oggi che riporta un’impresa di un arditissimo ladruncolo, anzi un ladro con degli attributi così!

Milano via Montenapoleone ore 10:40, in pieno giorno una persona, spacciandosi per un lavavetri, si piazza davanti alla gioielleria Pederzani e all’insaputa del propretario comincia a lavare i vetri. Certo il suo lavoro era solo una copertura visto che appena si è messo davanti alla vetrina del negozio ha attaccato due ventose al vetro e cominciato a svitare le 18 viti che fissavano la vetrina. Spostata la grande vetrata ha ripulito il negozio per un bottino di quasi 800.000 Euro.

Il propretario non si è accorto di niente perchè la vetrina era coperta dall’interno da una parte di legno. Anzi ha commentato il furto come un vero capolavoro. Ha poi affermato di essersi accorto del furto quando davanti alla porta d’ingresso ha visto qualcosa che sembrava una sbarra, avvicinandosi si è poi accorto che in realtà si trattava del bordo della vetrina spostata dal ladro. Ma ormai era troppo tardi, l’uomo aveva ripulito tutto ed è scappato a piedi.

Tanto di cappello a questo ladro che ha soprattutto avuto il coraggio di operare in pieno giorno e per la pianificazione del piano. Perchè per operare un tale furto l’uomo deve aver senz’altro pianificato il furto nei minimi particolari.

Anche se si tratta comunque di una operazione illegale, ogni tanto fa piacere vedere persone che, costette a rubare, preferiscono inventarsi colpi audaci invece che presentarsi dentro alla gioielleria con una pistola e minnaciare, o magari ferire, il propretario e clienti.

3 Commenti

Articoli Simili

Spazio Alla Griglia

Avete mai visto gli episodi di FuturamaW? Se si forse ricorderete di un apparecchio inventato dal professore, "Lo Sniffoscopio", che serve per sentire gli odori dello spazio.

E come più volte la TV ci ha insegnato, ciò che prima era solo una fantasia televisiva ora è realtà.

La NASAW infatti, tra i loro numerosi e strastipendiati dipendenti vanta un gruppo di cervelloni che hanno fatto la scoperta del secolo. No no… non sono ironico, questa scoperta potrebbe cambiare per sempre il concetto dell’esistenza stessa.

Al ritorno da una missione spaziale gli astronauti hanno naturalmente depositato le loro tute spaziali, ed è quì che intervengono quei gran cervelloni della NASA… che cosa hanno fatto?? Hanno preso queste tute e annusandole hanno scoperto che lo spazio odora di un mix di fragranze di bistecca fritta e metallo saldato. Mmmmm…. ora si che sarà possibile civilizare MarteW.

Ma la cosa che mi ha colpito di più è che gli stessi scenziati voglio riprodurre in laboratori tali odori per esercitare i foturi astronauti. Aspe… che cazzo ho scritto… no non ho sbagliato. Ma io mi chiedo: ma cosa c’è da esercitare. Gli astronauti quando fanno le loro passeggiate non indossano mica una tuta con tanto di casco e bombole di ossigeno? A cosa serve riprodurre sulla terra l’odore dello spazio? Ma il colmo è che questi cervelloni hanno detto che per riprodurre l’odore della bisecca fritta non ci sono stati probblemi (certo… una bella grigliata e via), ma per quello del metallo saldato sono in crisi. Azzz… se me lo dicevo, mi presentavo alla NASA con una griglia e un saldatore, magari mi davano qualche milione di Dollari.

0 Commenti

Articoli Simili