Archivio della Categoria Storia

La Vera Silent Hill

Chi di voi possiede una PlaystationW probabilmente avrà giocato almeno una volta ad un titolo storico di questa console. Sto parlando di Silent HillW, una game horror d’azione dove mostri orrendi minacciano la vostra soppravvivenza.

Naturalmente pensate che questa sia solo una fantasia ludica. Sbagliato! La citta di Silent HillW esiste veramente. Naturalmente è molto lontana dalla versione del video game, ma le similitudini sono al quanto incredibili.

La citta si chiama Centralina e si trova in PennsylvaniaW, nella contea di ColumbiaW. La città è originaria dei primi dell’ottocento, costruita su di un’immenso giacimento di atrancite.

In questo modo i minatori potevano estrarre l’atrancite a ciclo continuo perchè il sottosuolo di centralina era il loro posto di lavoro e la supervice la loro casa. Le estrazioni durarono fino alla fine dell’ottocento, quando un tragico incidente colpì le 2.000 anime che abitavano la citta.

Un enorme e catrastofico incendio divampò nella miniera di atrancite e in men che non si dica l’interà città fu avvolta dal fumo e dalla cenere. L’asfalto si spaccò, riducendo le strade in un umile parodia di se stesse.

Non vi ricorda niente tutto questo? Vi ricordate le ambientazioni di Silent HillW? Quando improvvisamente ci si ritrovava in una strada interrotta da un crepaccio?

La città di Centralina fu evacuta e divenne la città fantasma che ritroviamo nel game della PS. Centralina brucia ancora oggi, infatti si calcola che l’atrancite nel sottosuolo della città brucerà ancora per 100 anni. Questa è senz’altro la tipica ambientazione che pùò aver ispirato i creatori di Silent HillW.

Nel video quì sotto si può vedere l’inquietante cittadinella della PennsylvaniaW che brucia inesorabilmente nel sottosuolo.

Grazie al sito beliceweb.it per l’ispirazione e la documentazione.

5 Commenti

Articoli Simili

Lady Godiva

lady_godiva.jpg

Secondo la tradizione popolare, la bella Lady Godiva prese le parti della popolazione di Coventry, che stava soffrendo per le tasse oppressive imposte da suo marito. Lady Godiva gli chiese più volte di toglierle, ma il marito rifiutò sempre.
Stanco delle sue suppliche, le disse che avrebbe dato ascolto alla sua richiesta solo se avesse cavalcato nuda nelle vie della città. Lady Godiva lo prese alla lettera e, dopo la pubblicazione del proclama dove si raccomandava a tutte le persone di mantenere chiuse porte e finestre, cavalcò in Coventry, coperta soltanto dai suoi lunghi capelli.
Soltanto una persona nella città, un sarto poi conosciuto come Peeping Tom, disobbedì al proclama. Nella storia, Tom fece un foro in una persiana per poter vedere il passaggio di Godiva e rimase cieco.
(L’appellativo inglese “Peeping Tom”, equivalente italiano di guardone, deriva dal fatto che il giovane Tom fu l’unico a guradare Godiva nuda)
Alla fine, il marito di Godiva mantenne la sua parola e abolì le tasse onerose.

0 Commenti

Articoli Simili

Nodo Gordiano

nodo_gordiano.jpg

Gordio è il nome di un re leggendario dell’Asia Minore che avrebbe fondato una città che da lui ha preso il nome. Il re aveva un carro (consacrato a Zeus), il cui giogo era legato con un nodo inestricabile che, secondo una profezia, sarebbe stato sciolto solamente da colui che avrebbe dominato l’Asia. Quando in seguito, durante la campagna in Asia, Alessandro Magno si trovò a passare nella città di Gordio, senza andare tanto per il sottile tagliò il nodo con la sua spada. In senso figurato, si indica con questa espressione un problema estremamente complicato e senza soluzione apparente.
Perchè vi racconto tutto questo? Perchè dopo tanti post di stupidate vi voglio dimostrare che posso scrivere anche cose più intelligenti.

0 Commenti

Articoli Simili